Friedman definisce Melania una escort. Tutti zitti.

Il giornalista americano dà della escort a Melania Trump. Nessuna indignazione. La doppia morale della sinistra.

Alan Friedman, quel giornalista americano esperto di politica, economia, società e quant’altro. Per capirsi è quello con la voce simile a Ollio. Da anni ce lo ritroviamo sulle nostre TV.

A Friedman il presidente Trump non gli è mai piaciuto, ma l’antipatia nasce più che altro da fattori personali. Ieri l’antipatico giornalista l’ha però fatta fuori dal vaso arrivando addirittura a definire Melania Trump una escort. Una puttana in pratica. Certo, ora Friedman potrà giustificarsi dicendo che lui con escort intendeva accompagnatrice, come da traduzione letterale ma Friedman sta in Italia da circa cent’anni quindi non solo parla bene l’italiano ma ne conosce anche le sfumature, i modi di dire e le usanze linguistiche. Da noi escort significa mignotta, c’è poco da discutere su questo. E Friedman lo sa bene! La sua è stata veramente una furberia da maleducato: nascondersi dietro un possibile fraintendimento usato nella traduzione per dire esattamente quello che voleva dire.

Il problema però è che nessuno ha chiesto a Friedman di giustificarsi, né in studio né sui quotidiani alfieri del centro-sinistra. Gli stessi che avrebbero piantato un casino della Madonna se quella parola, escort, fosse stata rivolta a una donna più vicina alle loro idee. Dov’è l’indignazione, per esempio, di Laura Boldrini? Dov’è l’indignazione di tutte le giornaliste che a parti invertite avrebbero iniziato una guerra contro il maschilismo. Non le sentiamo. E non le sentiamo perché stanno zitte. Trump non è di sinistra, Melania quindi non è degna di essere difesa. Appena l’altro ieri, gli stessi che tacciono adesso hanno piantato un casino assurdo solo perché qualcuno ha provato a dire qualcosa sulla scelta della Polverini diventata improvvisamente “compagna”. Chiunque ha provato a fare un’osservazione è stato aggredito, definito maschilista e accusato di sessismo, solo per aver sottolineato la stranezza di un cambio di bandiera così repentino. Ma la Polverini ora è compagna, quindi gode della protezione, Melania ancora no, quindi può essere chiamata escort.

La doppia morale, quella cosa per cui si condannano solo i “nemici” mentre se la stessa cosa sbagliata viene fatta dagli “amici” allora si fa finta di niente. Maestri della doppia morale erano i grillini, evidentemente a forza di stargli così vicini anche dalle parti del centro sinistra stanno diventando come loro.

Non ci sta bene. Trump non rappresenta il nostro modo di pensare ma Alan Friedman parlando di Melania e definendola una escort ha dimostrato di essere un maschilista cafone e maleducato.

Avatar

Redazione

La nostra redazione comprende vari articolisti che imparerete a conoscere di volta in volta leggendo post specifici. Il lavoro di "squadra" rimane identificato come redazione

This website is using cookies to improve the user-friendliness. You agree by using the website further. Privacy policy