Coronavirus. Primo caso confermato in Germania.

Il nuovo bilancio: 106 morti, 4 mila contagi. Il virus di Wuhan è arrivato in Europa, due casi anche in Francia.

Primo caso confermato di polmonite di Wuhan in Germania, in Bavaria. A ufficializzare la notizia è stato il ministero della Salute bavarese. Arriva a 106 la conta  dei morti.

In Cina oltre 4000 i contagiati “ufficiali”

Dopo la Francia, dove ieri sono stati accertati due casi, anche in Germania viene segnalato il primo caso confermato di coronavirus cinese. Lo riportano i media tedeschi citando il portavoce del ministero della Sanità locale. Secondo quanto scrive il Suddeutsche Zeitung, è stato contagiato un uomo nel distretto bavarese di Starnberg, “risultato positivo al coronavirus di Wuhan”.

Il paziente è in buone condizioni ma è stato comunque messo in quarantena. La Germania sta inoltre prendendo in considerazione una la possibilità di evacuare i  suoi cittadini dalla zona di Wuhan.

I contagi nel mondo

La Germania è il secondo paese europeo colpito dal coronavirus dopo i due casi di contagio in Francia.

Otto casi sono segnalati in Thailandia, altrettanti a Hong Kong. Altri cinque sono stati registrati in Usa, Australia, Taiwan e  Macao; quattro in Giappone, Singapore e Malesia; tre sono in casi in Corea del sud, due in Vietnam, uno in Canada e in Nepal. 

La donna di Pistoia

Caso sospetto anche a Pistoia ma per adesso ancora non c’è conferma ufficiale. Sappiamo solo che  una turista cinese 53enne, originaria della provincia dell’Hubei, è ricoverata da ieri all’ospedale San Jacopo di Pistoia. A riferirlo è stata l’Alsl Toscana Centro.

La donna, che viaggiava con una comitiva bordo di un pullman diretto a Lucca, è svenuta e accusava una sintomatologia simile all’influenza.

Riferisce l’Asl «Precauzionalmente il mezzo su cui viaggiava la signora – -si è fermato nell’area di servizio di Serravalle Pistoiese della A11 ed è stata chiamata la centrale operativa 118 Empoli-Pistoia che ha soccorso la paziente trasferendola nel pronto soccorso di Pistoia, dove i sanitari hanno subito attivato le procedure previste dal protocollo ministeriale per questi casi».

Sbarrate le strade a Wuhan.

A Wuhan intanto, la città focolaio della malattia, sono state predisposte barriere nelle strade al fine di impedire ai cittadini di lasciare  in massa la città. La “dispersione” infatti non farebbe altro che aumentare  il rischio di contagio, le autorità cinesi sperano invece di riuscire a fermare la diffusione del virus isolando “L’epicentro”

Mascherine esaurite

Le farmacie di Roma e Milano stanno esaurendo le scorte di mascherine disponibili. Nonostante in Italia non ci sia ancora un caso confermato, i cittadini sono molto preoccupati.

Riportiamo le parole di Laura Cesaroni, farmacista e responsabile della comunicazione di Federfarma Roma, «questa mattina le mascherine sono risultate introvabili nelle farmacie vicino all’aeroporto, alle metropolitane e nelle zone più turistiche. E anche i magazzini hanno esaurito le scorte. Ma gli ordini sono già stati fatti ed entro pochi giorni i distributori potranno rifornire i presidi che le hanno terminate. In ogni caso, nelle farmacie più lontane dal centro è più facile che ci siano ancora. Chi le cerca può rivolgersi ai presidi meno centrali»

Redazione

La nostra redazione comprende vari articolisti che imparerete a conoscere di volta in volta leggendo post specifici. Il lavoro di "squadra" rimane identificato come redazione

Potrebbero interessarti anche...

This website is using cookies to improve the user-friendliness. You agree by using the website further. Privacy policy