Daniel Radcliffe risponde alla Rowling sulla questione gender

Il giovane attore protagonista di Harry Potter risponde con una lettera alla Rowling, finita nei pasticci per un tweet alquanto discutibile sulla questione gender.

Qualche giorno fa la famosissima autrice inglese, J.K. Rowling, creatrice della serie di libri che ha dato il via alla saga più famosa del mondo, è finita nell’occhio del ciclone social a causa di un suo tweet alquanto discutibile sulla questione gender e trans.

Traduzione: Se il sesso non è reale, non c’è attrazione per lo stesso sesso. Se il sesso non è reale, la realtà vissuta delle donne a livello globale viene cancellata. Conosco e amo le persone trans, ma cancellare il concetto di sesso rimuove la capacità di molti di discutere in modo significativo delle loro vite. Non è odio dire la verità

Non sono mancate, come potete immaginare, le reazioni. Fiumi di commenti, qualche offesa e anche delle malcelate accuse di omo-transfobia.

Anche Daniel Radcliffe, l’attore che ha dato le sembianze al protagonista dei libri dell’autrice, ha voluto dire la sua, intervenendo con una lettera molto pacata e dolce sulla questione, dimostrandosi sensibile e attento su questa tematica importante.

Vi mettiamo il testo originale seguito dalla traduzione.

Mi rendo conto che alcuni organi di stampa probabilmente vorranno dipingerlo come un conflitto tra J.K. Rowling e me , ma non è proprio di questo che si tratta, né è importante in questo momento. Mentre Jo è indiscutibilmente responsabile del corso che la mia vita ha seguito, come qualcuno che è stato onorato di lavorare e continua a contribuire al Progetto Trevor nell’ultimo decennio, e proprio come un essere umano, mi sento costretto a dire qualcosa in questo momento.

Le donne transgender sono donne. Qualsiasi affermazione contraria cancella l’identità e la dignità delle persone transgender e va contro ogni consiglio dato dalle associazioni sanitarie professionali che hanno molta più esperienza in materia rispetto a Jo o I. Secondo il progetto Trevor, il 78% dei transgender e i giovani non binari hanno riferito di essere stati oggetto di discriminazione a causa della loro identità di genere. È chiaro che dobbiamo fare di più per sostenere le persone transgender e non binarie, non invalidare le loro identità e non causare ulteriori danni.

Sto ancora imparando come essere un migliore alleato, quindi se vuoi unirti a me per saperne di più sulle identità transgender e non binarie consulta la Guida del progetto Trevor per essere un alleato per i giovani transgender e non binari. È una risorsa educativa introduttiva che copre una vasta gamma di argomenti, comprese le differenze tra sesso e genere, e condivide le migliori pratiche su come supportare le persone transgender e non binarie.

Per tutte le persone che ora sentono che la loro esperienza con i libri è stata offuscata o diminuita, mi dispiace profondamente per il dolore che questi commenti ti hanno causato. Spero davvero che non perderai del tutto ciò che è stato prezioso in queste storie per te. Se questi libri ti insegnassero che l’amore è la forza più forte dell’universo, capace di vincere qualsiasi cosa; se ti hanno insegnato che la forza si trova nella diversità e che le idee dogmatiche di purezza portano all’oppressione dei gruppi vulnerabili; se ritieni che un determinato personaggio sia fluido trans, non binario o di genere o che sia gay o bisessuale; se hai trovato qualcosa in queste storie che risuona con te e ti ha aiutato in qualsiasi momento della tua vita, allora è tra te e il libro che leggi, ed è sacro. E secondo me nessuno può toccarlo. Significa per te cosa significa per te e spero che questi commenti non lo contaminino troppo.

Redazione

La nostra redazione comprende vari articolisti che imparerete a conoscere di volta in volta leggendo post specifici. Il lavoro di "squadra" rimane identificato come redazione

This website is using cookies to improve the user-friendliness. You agree by using the website further. Privacy policy