Di Maio: no all’accordo con il PD per le regionali

Il capo politico conferma che il M5S andrà da solo sia in Emilia-Romagna che in Calabria

È quanto dichiarato questa mattina da Luigi Di Maio. Il capo politico del M5S intervenuto ad Agorà, trasmissione di Rai3, in collegamento dal capoluogo emiliano,ha ribadito l’intenzione del M5S di andare da solo alle prossime elezioni regionali.

“Il voto in Emilia Romagna non diventi un referendum sul governo” per poi aggiungere “Siamo aperti a liste civiche, ma senza aspettative illusorie. L’Emilia Romagna era stata descritta come la regione del M5s in guerra: io ho trovato tanto affetto e su 60 interventi che ho sentito 59 mi hanno detto che dobbiamo andare da soli. Solo uno ha detto di sostenere il candidato dem Stefano Bonaccini, ma noi non possiamo per statuto”.

Queste riportate tra virgolette sono esattamente le parole del leader pentastellato che ha inoltre precisato come, allo stato attuale, non sia previsto nessun accordo con i democratici neanche per quanto riguarda le elezioni in Calabria che si terranno lo stesso giorno di quelle emiliane-romagnole. Il 26 gennaio 2020.

Di Maio è poi tornato a parlare del suo incontro con il fondatore, garante, vate, scopritore etc.  Beppe Grillo che ha “blindato” la sua leadeship.

“Quando io parlo con Grillo e ci confrontiamo sulle questioni di governo a livello locale, siamo tutti d’accordo che su alcuni temi si può convergere” con il Pd per realizzare qualcosa di buono per questo Paese. Così come siamo d’accordo sul fatto che in Emilia Romagna come in Calabria, non possiamo sostenere il candidato di un partito. Questo è quello che ci siamo sempre detti. Ora Grillo passa come quello che vuole fare la coalizione di centrosinistra con il Movimento dentro, ma in realtà non si è mai parlato in politichese di accordi, di Ulivi o contro-Ulivi”

Il primo tra i democratici a rispondere alle dichiarazioni di Di Maio è Enrico Rossi, governatore della Toscana, che dal suo spazio Facebook replica così “Di Maio in Emilia non vuole andare con il Pd e Bonaccini. Io penso che è a noi che non conviene andare con lui. Intanto sardine in grande banco a Parma”

Sinceramente non capiamo il riferimento alle Sardine cosa c’entri, probabilmente è un limite nostro.

Redazione

La nostra redazione comprende vari articolisti che imparerete a conoscere di volta in volta leggendo post specifici. Il lavoro di "squadra" rimane identificato come redazione

Potrebbero interessarti anche...

This website is using cookies to improve the user-friendliness. You agree by using the website further. Privacy policy