Adesso Grillo vuole il vaccino.

Ma è stato lui a dar voce e rappresentanza a tutte le follie antiscientifiche e alle teorie del complotto che si sentono oggi in Italia.  

L’unico Paese al mondo dove esistono dieci vaccini obbligatori è l’Italia, ti curano obbligatoriamente, sei obbligato a curarti. Il principio è: prendi un bambino sano e inoculagli un virus per abituarlo e si abbassano le difese immunitarie. Gli inoculi un virussino piccolo. Nel caso arrivi il virus grande, il virussino piccolo è lì che da anni gira. Se quello grande non arriva, quello piccolo è sempre lì che rimane, in circolo e c’è anche un po’ di mercurio. E allora abbassiamo i sistemi immunitari, non abbiamo più difese di un cazzo, siamo tutti raffreddati, tosse, bronchiti, i bambini tutti a letto (…) la difterite stava scomparendo per i cazzi suoi, la poliomielite stava scomparendo per i cazzi suoi (…) nel medioevo ci si ammalava, si moriva, non si vedeva il microbo perché non c’era il microscopio. Era Dio! Perlomeno era Dio che ti faceva ammalare, non una multinazionale del cazzo”.

Chi l’ha detto? Lo sapete già ma ve lo ricordiamo: Beppe Grillo, fondatore e guru di quella sciagura italiana chiamata M5S.

È stato lui infatti il primo a dar voce ma soprattutto rappresentanza a quel folle movimento composto da somari allucinati che poi abbiamo imparato a conoscere con il nome di No-Vax, è stato lui che per primo è andato a pescare voti nel torbido stagno dell’ignoranza e dell’analfabetismo funzionale, è stato lui il primo a legittimare l’ubriaco che al bar vaneggiava, tra un campari-gin e l’altro,  di virus creati nei laboratorio delle case farmaceutiche.

Grillo non è stato il paziente zero del populismo antiscientifico, no, Grillo è stato l’untore che dal palco lanciava anatemi contro le  multinazionali, contro “big pharma”, contro i progressi scientifici. Anatemi che come virus hanno instillato nei suoi adepti il sospetto che il pubblico in generale ignori la verità; che ci sia sempre un piccolo gruppo di super-potenti-cattivi che governi il mondo a discapito dei buoni e degli onesti. Grillo, per farla breve, è stato il rappresentate di tutti quelli che, una volta trovato il vaccino contro il covid-19, diranno che è stato tutto un complotto della casa farmaceutica titolare del brevetto.

Ecco perché da lui questa improvvisa “voglia di vaccino” non l’accettiamo; certo, siamo contenti che ne usufruirà così come siamo felicissimi che ne usufruiranno quei pochi adepti che gli sono rimasti, ma questo non ci farà dimenticare le enormi idiozie che ha messo in testa agli italiani in tutti questi anni.

Supereremo l’emergenza, anche se sarà dura, probabilmente sarà trovato presto un vaccino e speriamo che come si augura Grillo nel suo blog sarà somministrabile per via orale e non avrà bisogno di refrigerazione artificiale per essere trasportato in tutto il mondo. Non è questo, insomma, il momento per restituirgli tutti i “Vaffanculo” lanciati, anzi, forse non era  neanche il momento di scrivere un articolo su di lui, forse andava lasciato in quella bolla di ininfluenza in cui ormai è confinato, bolla che si fa sempre più piccola, che va riducendosi come le percentuali del M5S nei sondaggi.

Avatar

Redazione

La nostra redazione comprende vari articolisti che imparerete a conoscere di volta in volta leggendo post specifici. Il lavoro di "squadra" rimane identificato come redazione

Potrebbero interessarti anche...

This website is using cookies to improve the user-friendliness. You agree by using the website further. Privacy policy