I romani fanno la raccolta differenziata ma poi AMA mischia tutto.

L’inchiesta delle Iene smaschera gli operatori AMA: buttano tutto negli stessi compattatori.

Troppo spesso si sente dire che l’inciviltà dei romani è la vera causa delle condizioni in cui si trova la città. Dipinti spesso nell’immaginario collettivo come persone volgari e cafoni allergici a qualsiasi buona norma di convivenza civile e anche alle buone maniere. Non è così. I romani la differenziata la fanno, dividono vetro, plastica, indifferenziata, rispettano le regole insomma, quelle stesse regole che ci hanno imposto in nome della tutela dell’ambiente, chi fa un po’ come pare a lei è invece l’AMA.

Questo emerge dall’inchiesta delle Iene andata in onda l’altra sera su Italia 1.

La troupe ha messo di nascosto due telecamere, una  di fronte al compattatore dell’indifferenziato e l’altra a inquadrare  quello blu di carta, plastica e vetro all’interno del centro Ama di Campo Boario ( Testaccio)

Le immagini hanno evidenziato moltissimi episodi di sbagliato conferimento e l’hanno fatto per ben sei giorni! Insomma un tempo più che sufficiente per farci capire che non si tratta di errori sporadici dovuti alla distrazione di qualche operatore svogliato ma proprio del loro modus operandi: insomma, è impossibile non prendere atto del fatto.

Nei video si vedono  i camion con carta e cartone arrivare e scaricare nel compattatore dell’indifferenziato. Qualche minuto dopo quello stesso carico di carta e cartone viene sepolto da altro indifferenziato portato da un altro furgone. E così via, in modo ciclico.

Emerge dunque che in quello che è uno dei maggiori centri di raccolta dei rifiuti differenziati di tutta Roma; carta, plastica e vetro sono raccolte e messe insieme senza rispettare nessuna regola, rendendo così del tutto inutili sia gli sforzi dei cittadini ma anche tutti i vantaggi che la raccolta differenziata dei rifiuti porterebbe.

Chiarissime le parole dell’inviato Filippo Roma e dell’autore Marco Occhipinti che spiegano come è nata l’inchiesta che ha portato alla luce le gravi responsabilità dell’azienda municipalizzata.

«Da cittadini, in questi mesi di città in condizioni tremende dal punto di vista della raccolta dei rifiuti, ci siamo detti che c’era qualcosa che non andava. Abbiamo sentito persone che lavorano in Ama e ci hanno detto la loro verità, ma a noi non bastava e abbiamo voluto documentare. Prima abbiamo fatto una visita al centro di raccolta Campo Boario al centro, ma abbiamo pensato che magari il problema è dei romani che fanno male la differenziata. Così abbiamo messo delle telecamere fisse per inquadrare lo sversamento dei rifiuti raccolti e abbiamo notato che, negli stessi giorni, in teoria, dedicati alla raccolta differenziata, nello stesso contenitore venivano sversati i rifiuti indifferenziati contaminando tutto e sciupando la differenziata fatta con cura dai cittadini». E concludono: «Che ciò accada in un momento in cui non si fa altro che parlare di differenziata a Roma, in un momento in cui la procura ha avviato un’inchiesta e Ama ha avviato un’inchiesta interna, non riusciamo a crederci».

Non riusciamo a crederci neanche noi!

Adesso possiamo solo auguraci una reazione proprio da quei romani che molto spesso vengono accusati di non fare la raccolta differenziata, specialmente adesso che stanno trovando nelle loro cassette della posta le salatissime bollette della Tari, le più care d’Italia. Tasse che servirebbero a coprire anche le spese di una differenziata indispensabile per la  tutela dell’ambiente. Tasse che vengono vanificate e quando le tasse vengono vanificate allora si tratta di soldi rubati. È tanto semplice.

Redazione

La nostra redazione comprende vari articolisti che imparerete a conoscere di volta in volta leggendo post specifici. Il lavoro di "squadra" rimane identificato come redazione

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This website is using cookies to improve the user-friendliness. You agree by using the website further. Privacy policy

//poosoahe.com/4/4335768