Adesso chiedetele scusa

Maria Etruria non esiste. La Boschi non ha mai avuto niente a che fare con la vicenda “Banca Etruria” e neanche il padre

L’accusa di bancarotta semplice nei confronti di Pierluigi Boschi, padre della deputata di Italia Viva ed ex ministro Maria Elena è stata archiviata. Adesso possiamo dirlo, Maria Etruria non esiste. Quello stupido soprannome, coniato in qualche gruppo Facebook di grillini sfigati, non ha ragione di esistere. È una calunnia, lo è sempre stata. Non è un caso infatti che tale epiteto cretino è stato utilizzato innumerevoli volte dal principe oscuro della diffamazione sua bassezza Marcio Travaglio, direttore del Fango Quotidiano, un giornalista che può vantare una lista di condanne lunga un chilometro e che se si fosse risparmiata tutta la carta usata per le denunce contro di lui, adesso il problema della deforestazione sarebbe meno grave. Anni e anni di calunnie, offese, maldicenze, sospetti e infamia, questo ha subito l’onorevole Maria Elena Boschi a causa di una vicenda che non la riguardava assolutamente. Come tutte le donne politiche che sono anche belle, la Boschi è stata fin dalla sua comparsa sulla scena oggetto di scherno e dicerie. Non è stata la prima e non sarà neanche l’ultima a dover subito questo trattamento, l’Italia fondamentalmente è ancora un Paese retrogrado e maschilista dove ogni donna capace che riesce a costruirsi una carriera di successo viene vista con sospetto. Succede in ogni ambiente e a ogni livello. Ma con la Boschi si è esagerato. Contro di lei si è mossa l’élite dell’intellighenzia grillina (se possiamo definirla così). Non solo Travaglio, ma anche la sua versione scadente Made in China comprata su Wish, Andrea Scanzi, che per la Boschi ha una specie di ossessione compulsiva visto che ne commenta anche i piedi (citiamo per filo e per segno il nostro articolo, visto che l’abbiamo scritto noi e non tale Andrea Zoli per un sitarello di scureggioni di cui ci siamo già scordati il nome, lui ha solo copiato e incollato da noi). Persino il compianto Dario Fo (ex rastrellatore fascista nella Repubblica di Salò e infine grillino) le dedicò addirittura un quadro: una monnezza senza senso né arte che davvero con trentamila lire il mio falegname lo faceva meglio)

Quando poi venne fuori la vicenda Banca Etruria gli attacchi si sono intensificati. Sono state scritte enciclopedie su “Maria Etruria”. Fiumi e fiumi di inchiostro misto a liquami che andava ad alimentare l’odio sui social. Offese irripetibili che sono andate avanti per anni fomentate da quella parte politica che con questi metodi ha costruito la sua fortuna e che adesso è diventata maggioranza in parlamento (speriamo ancora per poco).

Ma adesso possiamo dirlo con assoluta certezza: la Boschi è innocente e lo è anche il padre. Pagherà qualcuno per tutte le falsità che sono state raccontate? Non lo sappiamo ma speriamo di sì. Una considerazione importante però va fatta: i tempi della giustizia. Non è possibile riabilitare una persona dopo tutto questo tempo. Questa lentezza è inaccettabile ai tempi d’oggi. La magistratura ha il dovere di fare chiarezza molto prima, non quando il danno è ormai fatto.

Vi lasciamo con questo stralcio preso dal “Corriere di Arezzo”

“L’ipotesi di reato è ora caduta sia per Boschi, ex vice presidente di Banca Etruria, che per gli altri consiglieri. Il giudice del Tribunale di Arezzo Fabio Lombardo ha depositato la decisione finale sulla vicenda della liquidazione di Luca Bronchi, che ha disposto l’archiviazione per tutti gli indagati. Il ruolo degli ex consiglieri della banca e le condotte tenute rispetto alla pratica della liquidazione del dg Bronchi non sono penalmente rilevanti, ha stabilito il giudice.”

Lo ha stabilito il giudice. Perché in Italia sono ancora loro a stabilire chi è colpevole e chi no. Loro. Nessun altro, non Beppe Grillo né Marcio Travaglio, ma i giudici. Cerchiamo di ricordarcene in futuro.

Redazione

La nostra redazione comprende vari articolisti che imparerete a conoscere di volta in volta leggendo post specifici. Il lavoro di "squadra" rimane identificato come redazione

Potrebbero interessarti anche...

This website is using cookies to improve the user-friendliness. You agree by using the website further. Privacy policy

//iphumiki.com/4/4335768