Naya Rivera è morta per salvare il figlio

Condividi

Straziante la testimonianza dello sceriffo di Ventura “Ha usato tutte le sue forze per riportare il figlio sulla barca”

“Ha usato tutte le sue forze per riportare il figlio sulla barca, ma non ne aveva più per mettersi lei in salvo”. Il piccolo è stato poi ritrovato addormentato sulla barca.

L’attrice americana Naya Rivera, protagonista della fortunata serie Glee, 33 anni, è morta per salvare il suo bambino di quattro anni. Questo è quanto emerge dalla dichiarazione dello sceriffo di Ventura County, California, Bill Ayub, a seguito dell’identificazione del corpo  ripescato nel Lago Piru. Per avere la definitiva certezza, sulla quale però ormai non ci sono dubbi, riguardo l’identità, il cadavere rinvenuto  sarà sottoposto ad autopsia. Appena il  giorno prima di morire, l’attrice americana aveva twittato una sua foto con il figlio: “Solo noi due”.

Il bambino avevano raccontato al personale soccoritore che lui e sua mamma erano andati in acqua, ma lei non era più risalita sulla barca. Naya e il bambino, a quanto sembra, stavano notando in una zona caratterizzata dalla presenza di una fitta vegetazione sotto il livello dell’acqua. Il lago Piru è tristemente famoso per essere luogo di molti annegamenti.

Le ultime immagini di Naya, diffuse dall’ufficio dello sceriffo locale, sono state diffuse qualche giorno fa e ritraevano l’attrice prima della sua scomparsa, quando era appena arrivata sulle sponde del lago e aveva parcheggiato la sua auto

Il cast di Glee ha già subito, negli anni, tante e dolorose perdite. Nel luglio del 2013 Cory Montheit (che nella serie interpretava il quarterback Fin Hudson) è stato trovato morto, a causa di un mix di farmaci e alcol, in un albergo di Vancouver,  nel gennaio del 2018 Mark Salling si è suicidato dopo che erano state rinvenute immagini pedopornografiche nel suo computer.

Ai tanti fan della serie non è sfuggito il fatto che ieri fosse il settimo anniversario della morte di Cory Montheit. Un’immagine di buona parte del cast che si tiene per mano al lago ha emozionato i tanti appassionati della serie.

Lea Michele che nei giorni scorsi era stata criticata per non aver commentato la notizia della scomparsa di Naya,  ha messo sul suo account Instagram una serie di foto in bianco e nero di Cory, Naya e il loro gruppo di amici.

Kevin McHale, Artie Abrams nella serie, ha scritto: “Non sono religioso ma faccio fatica a non pensare che Cory non ci abbia aiutato a trovare la nostra ragazza. In qualche modo erano uno la versione femminile dell’altra: così gentili, affezionati, pieni di talento, divertenti e così brave persone”.

L’ultima frase di Naya sui social ci appare ora come una specie di dolce testamento “Non importa l’anno, la circostanza o le battaglie di tutti i giorni, essere vivi è una benedizione. Rendi oggi unico e così ogni giorno che ti è dato. Il domani non è certo”.

Avatar

Redazione

La nostra redazione comprende vari articolisti che imparerete a conoscere di volta in volta leggendo post specifici. Il lavoro di "squadra" rimane identificato come redazione

Potrebbero interessarti anche...

This website is using cookies to improve the user-friendliness. You agree by using the website further. Privacy policy