I nostri oceani sono pieni di plastica.

L’inquinamento minaccia la sicurezza e la qualità degli alimenti, la salute umana, il turismo e contribuisce al riscaldamento globale.

Ogni anno nel mondo vengono prodotte oltre 300 milioni di tonnellate di plastica da utilizzare nelle più varie e disparate situazioni.

Una volta usate, quando hanno finito il loro scopo commerciale, di queste tonnellate prodotte almeno 8 milioni vanno a finire nei nostri oceani ogni anno andando a formare l’80% di tutti i detriti marini presenti in superfice e quelli sedimentati nelle acque più profonde.
Le specie marine ingerendo i rifiuti o restando intrappolate nei detriti di plastica muoiono o riportano gravi lesioni.
L’inquinamento da plastica neglio oceani è una grave minaccia per la sicurezza e la qualità degli alimenti,per la nostra salute, per il turismo e contribuisce gravemente al cambiamento climatico.

È urgente rivedere e correggere gli accordi internazionali legalmente vincolanti esistenti per affrontare questo tipo di inquinamento.

Bisogna assolutamente promuovere il riciclaggio e il riutilizzo dei prodotti, investire nella ricerca e nell’innovazione per sviluppare nuovi materiale in grado di sostituire la plastica monouso al fine da ridurre le quantità di plastica che vengono scartate.

La plastica è un polimero organico sintetico a base di petrolio e viene usata in un’infinità di modi: imballaggi, edilizia e costruzioni, attrezzature domestiche e sportive, automobili, elettronica e agricoltura solo per citarne alcuni. La plastica è economica, leggera, resistente e malleabile. Ogni anno vengono prodotte oltre 300 milioni di tonnellate di plastica, metà delle quali viene utilizzata per progettare articoli monouso come borse della spesa, bicchieri e cannucce. I detriti di plastica galleggianti sono attualmente i principali rifiuti marini. La plastica è stata rilevata sulle coste di tutti i continenti, con più materiali plastici trovati vicino a destinazioni turistiche popolari e aree densamente popolate.

Principlamente la plastica arriva in mare dalle fognature, buttata direttamente dalle persone per noncuranza, dalla spiaggie, dallo smaltimento inadeguato dei rifiuti, dalle attività industriali, dalla costruzione e dallo scarico illegale. La plastica oceanica proviene principalmente dall’industria della pesca, dalle attività nautiche e dall’acquacoltura.

Sotto l’influenza della radiazione UV solare, del vento, delle correnti e di altri fattori naturali, il materiale si frammenta in piccole particelle, chiamate microplastiche (particelle inferiori a 5 mm) o nanoplastiche (particelle inferiori a 100 nanomillimetri) talmente piccoli da non poter più essere rimossi finendo per diventare parte dell’ecosistema marino

Perché è importante ?

Comìè facilmente intuibile l’inquinamento da plastica è il problema più diffuso che colpisce l’ambiente marino. Una grave minaccia per la salute degli oceani e di conseguenza per la salute umana visto che va ad alterare la qualità alimentare. Gravi ripercussioni si hanno anche nel turismo e sul clima.

Impatti sull’ambiente marino

Gli impatti più visibili e inquietanti delle plastiche marine sono l’ingestione, il soffocamento e l’intreccio di centinaia di specie marine. La fauna marina come uccelli marini, balene, pesci e tartarughe, scambiano i rifiuti di plastica per cibo, dopo aver ingerito i rifiuti la maggior parte muore di fame poiché il loro stomaco è pieno di detriti di plastica. Soffrono anche di lacerazioni, infezioni, ridotta capacità di nuotare e lesioni interne. Le plastiche galleggianti contribuiscono anche alla diffusione di organismi marini invasivi e batteri, che interrompono gli ecosistemi.

Impatti su cibo e salute

La plastica invisibile è stata identificata nell’acqua del rubinetto, nella birra, nel sale ed è presente in tutti i campioni raccolti negli oceani del mondo, compreso l’Artico. Diverse sostanze chimiche utilizzate nella produzione di materiali plastici sono note per essere cancerogene e interferiscono con il sistema endocrino del corpo, causando disturbi dello sviluppo, riproduttivi, neurologici e immunitari sia nell’uomo che nella fauna selvatica.

I contaminanti tossici si accumulano anche sulla superficie dei materiali plastici a seguito di un’esposizione prolungata all’acqua di mare. Quando gli organismi marini ingeriscono detriti di plastica, questi contaminanti entrano nei loro sistemi digestivi andando ad alterare tutta la catena alimentare mondiale. Il trasferimento di agenti contaminanti tra specie marine e esseri umani attraverso il consumo di frutti di mare è stato identificato come un pericolo per la salute, ma non è stato ancora adeguatamente studiato.

Impatti sui cambiamenti climatici

Anche la plastica, che è un prodotto petrolifero, contribuisce al riscaldamento globale. Se i rifiuti di plastica vengono inceneriti, rilasciano anidride carbonica nell’atmosfera, aumentando così le emissioni di carbonio.

Impatti sul turismo

I rifiuti di plastica rovinano la delle destinazioni turistiche, determinando una diminuzione dei redditi legati al turismo e maggiori costi economici legati alla pulizia e alla manutenzione dei siti.

Cosa si può fare?

La preoccupazione globale e la consapevolezza del pubblico riguardo all’impatto della plastica sull’ambiente marino sono attualmente in aumento. Il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) considera i detriti marini di plastica e la sua capacità di trasportare sostanze nocive come una delle principali questioni emergenti che interessano l’ambiente.

Sono stati compiuti sforzi legali a livello internazionale e nazionale per affrontare l’inquinamento marino. I più importanti sono la Convenzione del 1972 sulla prevenzione dell’inquinamento marino dovuto allo scarico di rifiuti e altre questioni (o la Convenzione di Londra), il Protocollo del 1996 alla Convenzione di Londra (il Protocollo di Londra) e il Protocollo del 1978 alla Convenzione internazionale per la prevenzione di inquinamento da navi (MARPOL). Far rispettare queste leggi è però molto difficile in parte a causa delle limitate risorse finanziarie per applicarle. Gli strumenti internazionali legalmente vincolanti dovrebbero essere ulteriormente elaborati per affrontare l’inquinamento da plastica.

Il riciclaggio e il riutilizzo delle materie plastiche sono le azioni più efficaci disponibili per ridurre gli impatti ambientali delle discariche aperte e delle fiamme all’aperto che vengono spesso praticate per la gestione dei rifiuti domestici. È possibile posizionare una quantità sufficiente di rifiuti e contenitori per il riciclaggio nelle città e sulle spiagge delle zone costiere per accelerare la prevenzione e la riduzione dell’inquinamento da plastica.

I governi, gli istituti di ricerca e le industrie devono anche lavorare in modo collaborativo per ridisegnare i prodotti e ripensare al loro utilizzo e smaltimento, al fine di ridurre gli sprechi di microplastica da pellet, tessuti sintetici e pneumatici. Ciò richiederà soluzioni che vadano oltre la gestione dei rifiuti, per considerare l’intero ciclo di vita dei prodotti in plastica, dalla progettazione del prodotto all’infrastruttura e all’uso domestico.

Per affrontare efficacemente la questione della plastica marina, è necessario sostenere la ricerca e l’innovazione. La conoscenza della portata completa dell’inquinamento da plastica e dei suoi impatti fornirebbe ai responsabili politici, ai produttori e ai consumatori le prove scientifiche necessarie per promuovere soluzioni tecnologiche, comportamentali e politiche appropriate. Accelererebbe anche la concettualizzazione di nuove tecnologie, materiali o prodotti per sostituire la plastica.

AMBIENTE

Redazione

La nostra redazione comprende vari articolisti che imparerete a conoscere di volta in volta leggendo post specifici. Il lavoro di "squadra" rimane identificato come redazione

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. 16 Luglio 2021

    […] ed epocaleCon la parola “ecocidio” si intende, dunque, una serie di atti che danneggiano ambiente ed ecosistemi, spesso in modo irreparabile. E vista l’importanza degli ecosistemi naturali per la vita e il […]

This website is using cookies to improve the user-friendliness. You agree by using the website further. Privacy policy