Trump può davvero lanciare l’atomica

Il presidente americano Trump ha davvero il potere di lanciare a sua descrizione un’arma nucleare? Cerchiamo di capire come funziona il protocollo di lancio

Siamo abituati a pensare che il presidente degli Stati Uniti d’America abbia il potere di lanciare armi nucleari quando vuole e come vuole, è davvero così?

In linea teorica la convinzione che il presidente USA, chiunque egli sia, possa da solo lanciare un attacco nucleare è corretta, quindi la risposta alla domanda principale è sì: Trump ha davvero il potere di ordinare da solo un attacco nucleare. Bruce Blair, ricercatore a Princeton ed esperto di sicurezza nazionale, in un lungo articolo ha definito la presidenza americana come «qualcosa di simile a una monarchia, dal punto di vista nucleare».

La procedura richiede la presenza di altre persone ma il potere di lancio spetta interamente al presidente.

Cerchiamo di capire meglio come funziona.

Innanzitutto chiariamo subito che non esiste nessun bottone rosso (come scritto da Trump su twitter ai tempi della tensione con Kim Jong-un, il ciccione dittatore nordcoreano) esiste invece, e accompagna sempre il presidente, la “nuclear football” ossia la pesante valigia portata da un militare al seguito del comandante in capo.

Cosa contiene? Informazioni sugli obiettivi, una lista di luoghi sicuri, istruzioni per le trasmissioni radio-televisive d’emergenza e i codici di identificazione.

Un altro “oggetto” di cui parlare assolutamente in questo caso è il cosiddetto “biscotto” ossia una tessera con su scritto un codice che  il presidente deve comunicare allo Stato maggiore riunito, poi al comando operativo del Dipartimento della Difesa, quindi al Comando Strategico.

Il presidente deve comunicare anche l’obbiettivo dell’attacco: può sceglierlo fra quelli elencati nel black book ma può anche scegliersi un obiettivo da solo. Quindi, in teoria, se invece di colpire degli impianti industriali che costruiscono armi volesse bombardare una città piena di civili potrebbe farlo. Il presidente è il capo delle forze armate, ma lo è veramente, il suo non è un potere simbolico, ma reale, egli può ordinare un attacco nucleare senza chiedere l’autorizzazione a nessuno; neanche al Congresso! Bisogna però sottolineare che il Senato americano sta iniziando a considerare l’ipotesi di limitare questo potere infinito in mano a un solo uomo.

La procedura di lancio è molto diretta e veloce, lo è perché concepita per rispondere in tempi brevissimi a un ipotetico attacco nemico, non viene considerata l’ipotesi, molto più probabile invece, che l’attacco cominci proprio dallo Studio Ovale o dall’Air Force One.

Prima di iniziare l’azione di lancio, il presidente si riunisce con i consiglieri ,se dovesse essere in viaggio, è dotato di una linea sicura con cui parlare agli alti membri del governo americano.

La discussione può durare anche solo un minuto e una volta verificato che l’ordine sia stato dato effettivamente dal Presidente, un ufficiale del Pentagono legge un codice composto da due lettere dell’alfabeto fonetico militare, il Presidente  a questo punto controlla “il biscotto”, e trova le due lettere corrispondenti. Tutto qui, l’ordine è partito.

Ma nessuno può impedirlo? La risposta è no!

Se Trump desse materialmente l’ordine, nessuno avrebbe l’autorità per fermarlo. Al massimo qualcuno, come il segretario della Difesa, potrebbe rifiutarsi di eseguirlo: secondo BBC, però, in quel caso il segretario della Difesa compirebbe un reato di tradimento, e il presidente potrebbe licenziarlo e passare l’ordine al vice-segretario. Il Washington Post spiega che il rifiuto di vari funzionari di eseguire un ordine del genere rallenterebbe certamente l’esecuzione dell’ordine, ma non la impedirebbe.

In pratica, almeno che l’intero vertice militare americano si rifiutasse di eseguire l’ordine, nessuno ha un vero e proprio potere di veto per impedire al Presidente di lanciare un attacco nucleare.

Un potere troppo grande in mano a un uomo che 700 psichiatri americani considerano “fuori di testa”

Redazione

La nostra redazione comprende vari articolisti che imparerete a conoscere di volta in volta leggendo post specifici. Il lavoro di "squadra" rimane identificato come redazione

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. 12 Dicembre 2020

    … [Trackback]

    […] Information to that Topic: culturaesocieta.com/trump-bomba-atomica/ […]

This website is using cookies to improve the user-friendliness. You agree by using the website further. Privacy policy