Trump perde i pezzi. La Virginia torna ai democratici.

I democratici americani riconquistano il parlamento della Virginia dopo vent’anni e sono in vantaggio anche in Kentucky.

Sembra essere stato un vero è proprio “martedì nero” quello di ieri per Donald Trump. Se i risultati saranno tutti confermati, l’attuale inquilino della White House sarà destinato a perdere due elezioni su tre, tutto questo mentre sullo sfondo resta l’indagine per l’impeachment.

Il successo in Virginia è certo e per alcuni aspetti storico, dove i democratici hanno riconquistato l’intero parlamento dopo oltre 20 anni. La maggioranza dei repubblicani era abbastanza risicata in questo Stato dove infatti Trump perse nel 2016 di 5 punti percentuali contro la sua rivale Hillary Clinton.

Diversa e più incerta la situazione in Kentucky dove il risultato tra i due contendenti è troppo ravvicinato per dichiarare ufficialmente il vincitore.  Il candidato dei democratici Andy Beshear ha rivendicato il successo contro il governatore repubblicano uscente Matt Bevin col 49,2% dei voti contro il 48,9%(100% delle schede scrutinate). Bevin non ha concesso la vittoria e ha iniziato a farneticare di brogli e complotti come un grillino qualsiasi ma, se l’esito fosse confermato, sarebbe davvero una brutta scivolata per l’amministrazione Trump, in uno Stato dove alle elezioni presidenziali aveva vinto con un vantaggio del 30% contro la Clinton e dove lunedì aveva tenuto il suo ultimo comizio proprio a sostegno del candidato repubblicano.

Per i repubblicani successo solo in Mississipi dove con il 93% delle schede scrutinate per l’elezione del governatore il candidato repubblicano Tate Reeves resta saldamente in testa davanti al rivale Jim Hood (anti abortista e pro armi), con il 52,7% contro il 46%. In Mississipi Trump aveva vinto con uno scarto del 17%. Venerdì scorso aveva tenuto un comizio per sostenere Reeves. Il presidente si è già complimentato su Twitter per la vittoria.

Redazione

La nostra redazione comprende vari articolisti che imparerete a conoscere di volta in volta leggendo post specifici. Il lavoro di "squadra" rimane identificato come redazione

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This website is using cookies to improve the user-friendliness. You agree by using the website further. Privacy policy

//dooloust.net/4/4335768