Ultimi sondaggi: Cala la Lega, resta fermo il M5S.

Flessione negativa per il partito di Salvini, in calo anche la Meloni. Calenda riduce la distanza da Renzi.

Restiamo fedeli alla nostra linea e consideriamo i sondaggi con la stessa distanza di sempre unita al solito scetticismo, non rinunciamo però a commentare le ultime rilevazioni fatte dall’istituto SGW

Lega

Flessione di quasi un punto per il partito di Salvini che passa dal 33.8 al più rotondo 33%.

Quasi un punto percentuale, non è poco ma se contestualizzato all’interno del grande consenso leghista non rappresenta che un lieve calo. Se le cose dovessero stare davvero così allora, per adesso, il fenomeno Sardine non sembra avere grandi effetti sui “numeri”

Partito Democratico

Guadagna pochissimo il PD che dal 17,7 arriva al 18%. Un debole rialzo ancora troppo basso per rappresentare l’inizio di un trend positivo. Il Pd rimane su valori bassi considerando che spetterebbe proprio a lui il ruolo d’opposizione alla politica sovranista della destra.

Debole, ma vivo.

Movimento 5 Stelle

Il M5S galleggia sugli stessi valori della scorsa settimana: 15,5%.

Sembrerebbe dunque che da quelle parti siano riusciti ad aprire una sorta di paracadute. Tuttavia bisogna ricordare i valori da cui partivano, ossia più del  32%.

Non pensiamo che il M5S possa scendere sotto al 10% in fretta.

È un po’ come le diete: all’inizio i chili si perdono in fretta, poi il calo viene rallentato.

Fratelli d’Italia

La formazione di destra sovranista guidata da Giorgia Meloni è saldamente la  quarta forza politica della Nazione. Questa settimana ha subito un leggero calo nei consensi tornando sotto alla cifra simbolica del 10%

Ci sembra un calo fisiologico, la Meloni continua ad avere un gradimento molto alto considerando che la sua politica è del tutto sovrapponibile a quella della Lega.

Forza Italia

La forza più moderata della destra guadagna pochissimo ma guadagna, passa dal 5,1 al 5,3%.

Per adesso la grande fuga di consensi verso Italia Viva, ipotizzata da molti, non c’è stata.

Italia Viva

Il partito di Renzi perde ancora qualche cosa e conferma il trend negativo delle ultime settimane. L’effetto novità sembra essere già svanito. Probabilmente le faccende “Open” stanno influendo negativamente e se le cose verranno chiarite in fretta l’andamento potrebbe tornare positivo. È evidente però che non stiamo assistendo a nessuna “cannibalizzazione” del consenso da parte del senatore di Rignano. I numeri ipotizzati all’inizio da molti, cifre vicino al 10%, sono lontanissime.

Da 4,9 scende al 4,6% e quando i valori sono così bassi il “peso specifico” dei numeri decimali aumenta.

Azione

Calenda guadagna e dal 3 passa al 3,5%

Con mezzo punto percentuale è quello che è cresciuto di più nei sondaggi questa settimana. La distanza da Italia Viva è ormai ridotta a poco più di un punto percentuale. Se gli andamenti dovessero restare gli stessi, i due partiti potrebbe trovarsi quasi appaiati già dalla prossima settimana.

Staremo a vedere.

Redazione

La nostra redazione comprende vari articolisti che imparerete a conoscere di volta in volta leggendo post specifici. Il lavoro di "squadra" rimane identificato come redazione

Potrebbero interessarti anche...

This website is using cookies to improve the user-friendliness. You agree by using the website further. Privacy policy