Storiografia greca: Polibio

Storiografia greca: Polibio. Altro appuntamento con la storiografia greca. Oggi ci occuperemo di Polibio e la sua opera con particolare riferimento alle Storie. Parleremo della sua concezione della storia, la metodologia e la sua passione per Roma, concludendo con alcune considerazioni sulla lingua e lo stile di Polibio.

Figlio di Licorta, influente uomo politico della lega achea, in questa ebbe nel 169 l’importante carica d’ipparco, ma dopo la sconfitta di Perseo a Pidna (168) fu incluso tra i mille ostaggi che la lega dovette consegnare ai Romani. Ottenne di poter risiedere in Roma e quivi, introdotto nel circolo degli Scipioni, poté conoscere meglio quei Romani che come Acheo aveva avversato. Di qui il suo sforzo di intendere le cause per cui Roma in nemmeno due generazioni (220-168) aveva esteso il suo dominio su tutto il mondo allora conosciuto

Argomenti del podcast

  • Le Storie di Polibio;
  • La concezione universale della storia secondo Polibio
  • La metodologia scientifica di Polibio nell’indagare le cause
  • Le critiche mosse a storici precedenti
  • La passione di Polibio per Roma
  • Lo studio delle costituzioni e in modo particolare quella romana con riferimento alla teoria dell’anaciclosi delle forme di governo di ascendenza platonica e aristotelica
  • Concetto di Tyche in Polibio
  • Lingua e stile

Download

Dispense per ripassi, approfondimenti e collegamenti ipertestuali

Chiara Bellucci

Dottoranda in Scienze Umanistiche, Filosofia Teoretica, presso l'Università Guglielmo Marconi, Roma, Italia. Titolo del progetto: Cinema e Filosofia, analisi di un rapporto a partire da Gilles Deleuze

Potrebbero interessarti anche...