Crivello di Eratostene

Il crivello di Eratostene e i criteri di divisibilità dei numeri, con particolare riferimento a numeri primi e scomposizione in fattori primi

Oggi vediamo insieme come funziona il crivello di Eratostene approfondendo i criteri di divisibilità con particolare riferimento ai numeri primi e alla scomposizione in fattori primi.

Il crivello di Eratostene è un vecchio algoritmo ideato da Eratostene di Cirene per isolare i numeri primi all’interno di un determinato intervallo. L’algoritmo funziona in modo molto semplice. Ricapitoliamo i passi

  • Disegnare il crivello o tabella in cui disporre i numeri compresi nell’intervallo, estremi inclusi. Ricordiamo che se l’intervallo è tra 1 e 100 si comincia a contare dal 2;
  • Si estrae la radice quadrata del limite massimo, dunque 10 nel caso della radice di 100 per sapere esattamente dove fermare l’algoritmo, cioè al 7, essendo 8,9,10 multipli di 2,3 e 5;
  • Si procede all’esclusione dei multipli di 2, poi 3, poi n..
  • I numeri rimasti una volta raggiunto il 7 e tolti i multipli del 7 saranno primi.

Ricordatevi che per lavorare bene con il crivello di Eratostene dovete avere ben presenti i criteri di divisibilità dei numeri.

Buono studio e buon lavoro. 

Corsi di Latino e Greco via Skype

Chiara Bellucci

Dottoranda in Scienze Umanistiche, Filosofia Teoretica, presso l'Università Guglielmo Marconi, Roma, Italia. Titolo del progetto: Cinema e Filosofia, analisi di un rapporto a partire da Gilles Deleuze

Potrebbero interessarti anche...

This website is using cookies to improve the user-friendliness. You agree by using the website further. Privacy policy